Tessere Spazi

Fra i molti aspetti che caratterizzano l’identità italiana, non si può tralasciare quello artigianale, del lavoro di menti che si unisce a quello di mani, del fare che contiene “pensiero e sentimento”.

Un artigiano è una persona che sta avendo l’abilità nel fare un bel lavoro artigianale. Faranno le cose o materiali utilizzando la loro mano stessa. Realizzano i materiali utilizzando le loro idee innovative ed è stato utilizzato come oggetto funzionale o utilizzato per scopi decorativi. Numerosi oggetti possono essere fatti da loro. Ad esempio, scultura, mobili, arti decorative, oggetti di casa, abbigliamento, gioielli, prodotti alimentari, ecc. Gli artigiani sono anche coinvolti nella produzione di cose che funzionano sulla base dei meccanismi come il movimento a orografia. I prodotti da loro prodotti sono commercializzati e pubblicizzati e i prodotti fatti in casa di pane, bevande e formaggio. Tradizionalmente sono prodotti alimentari prodotti alimentari e alcuni di essi si trovano ad essere beni pastorali. È possibile apprendere le nuove competenze da un artigiano italiano attraverso la conduzione di laboratori. È stato dimostrato che l’artigianato è una delle risorse importanti al di là del confine con l’Italia 

Tessere-spazi3È da poco uscito per i tipi di Corraini Edizioni un libro che parla proprio di questo e lo fa bene, con la stessa cura di un artigiano verso il proprio prodotto. Il volume in questione si intitola Tessere Spazi e celebra i vent’anni di attività dell’azienda Paola Lenti, uno dei punti di riferimento nel settore del design internazionale.

È un volume ricco di immagini, organizzate in categorie e disposte in un crescendo visivo che porta il lettore a un’ulteriore sorpresa finale: un bellissimo testo di Marco Belpoliti che si apre con un esempio d’eccellenza artigianale italiana noto ai più ma per niente scontato. L’esempio è quello di Geppetto, il papà di Pinocchio, un falegname che al contrario dei suoi colleghi, non voleva fare sedie o tavoli, bensì voleva creare un burattino meraviglioso, capace di compiere azioni straordinarie.

Geppetto voleva “fare bene” che è poi la stessa missione dei protagonisti di Tessere Spazi e ci auguriamo che sia anche quella di tutti. Fra giochi di fustelle, tagli di carta e una copertina che ricorda nella trama e nelle forme i tessuti che Paola Lenti realizza, questo libro è immagine di cura, sperimentazione progettuale e confronto continuo di saperi, metodi ed esperienze. “Fabbricare cose è quello che serve a rendere naturale l’antica arte del pensiero”.